il percorso della salute

la tossiemia

La Scienza Igienistica afferma che la causa di tutte le malattie è la TOSSIEMIA, cioè la presenza in circolo e il deposito nei tessuti di sostanze tossiche di origine endogena (per azione di germi patogeni, di sostanze liberate da tessuti gravemente alterati o per accumulo di prodotti metabolici) o esogene ( contaminanti chimici, pesticidi, metalli pesanti, radiazioni..) .

Una persona non potrà mai manifestare reumatismi, artrite, artrosi, cancro o qualsiasi altra cosiddetta malattia, se non ha rovinato prima la sua salute con errati stili di vita, producendo in sé uno stato tossiemico.

Nessuno svilupperà mai una malattia senza prima avere un’indigestione cronica, e questa dovrà persistere abbastanza a lungo da pervertire la nutrizione e alterare lo sviluppo cellulare creando depositi di tossine.

La tossiemia è per gli igienisti , ma anche per la medicina omotossicologica, il primum movens di ogni alterazione dello stato di salute .

A dir la verità però a monte della tossiemia vi è il continuo indebolimento nervoso derivante da abitudini mentali, emozionali, spirituali e fisiche errate.

Come disse John H. Tilden, uno dei più grandi medici igienisti del secolo scorso:

Qualsiasi influenza che abbassa l’energia nervosa diventa un fattore produttivo di malattia”.

Cosa fa l’indebolimento? Impedisce la secrezione e l’escrezione richiesta da un avvelenamento generale o sistematico del corpo. L’espulsione delle tossine è così impedita a causa della ritenzione dei rifiuti metabolici che tendono ad accumularsi nei fluidi, nei tessuti e nelle articolazioni.

Giorno dopo giorno ci auto-intossichiamo e auto-avveleniamo , inconsapevolmente, senza averne la minima percezione.

Dice ancora il dottor Tilden:

Qualsiasi cosiddetta malattia è una crisi di tossiemia, il che sta a significare che le tossine sono accumulate nel sangue oltre il punto di tolleranza, e che la crisi (la malattia: raffreddore, mal di testa, febbre, artrite, ecc.) è una eliminazione vicariante”.

Anche il grande medico Isaac Jenning la pensava allo stesso modo:

La malattia pertanto è lo sforzo enorme della Natura per liberarsi dalle tossine. La malattia NON può essere aiutata da nessun farmaco, ma i rimedi si basano sulla Vis Medicatrix Naturae (forza di autoguarigione), mettendo il paziente nella migliore condizione possibile di riposo, aria pura e dieta adeguata”.

I grandi medici dell’Ottocento avevano sulla malattia le idee molto più chiare dei giorni nostri, in cui la malattia è vista invece come un qualcosa che proviene dall’esterno e che penetra nel corpo (virus, microbo, ecc.) oppure deriva da un fattore interno (gene difettoso o predisposizione genetica).

Secondo la visione igienistica, invece, la malattia proviene dall’interno e rappresenta semplicemente il tentativo fisiologico della Vis Medicatrix, delle forze di guarigione , di pulire il corpo dalle tossine e pertanto qualsiasi trattamento (medicine, farmaci, paura, continuo lavoro, stress, ecc.) ostruisce ed impedisce questo tentativo di eliminazione, bloccando la guarigione stessa.

Le tappe della malattia sono:

  • Stress ambientale/abitudini quotidiane
  • Tensione fisica, mentale ed emotiva
  • Indebolimento
  • Eliminazione inefficiente
  • Ritenzione delle tossine e degli scarti
  • Tossiemia
  • Crisi acuta di eliminazione (malattia).

Se è vero che la causa di tutte le malattie acute è la Tossiemia, è anche vero che a monte della Tossiemia c’è l’indebolimento!

Una volta che, a causa di uno stile di vita errato (poco riposo, eccessivo lavoro, stress, traumi, digestioni prolungate, putrefazioni e fermentazioni intestinali, ecc.) l’organismo perde energia nervosa, si auto-avvelena costantemente poiché non ha più la forza per espellere i veleni tramite i principali organi emuntori (pelle, reni, intestini e polmoni).

Se non si espellono le tossine, queste si accumulano in organi, tessuti, articolazioni, liquidi, ecc. e quando si supererà il punto di tolleranza scatterà la malattia acuta. La tolleranza è individuale, varia da persona a persona, e dipende da molti fattori: periodo prenatale, predisposizioni, familiarità, temperamento, ecc.

Questa concezione rispecchia pienamente quello che dimostrano gli studi più all’avanguardia della nuova branca della medicina, la PSICONEUROENDOCRINOIMMUNOLOGIA, che spiega in maniera scientifica come uno stress mentale, emotivo ( Psico) crei un indebolimento della forza nervosa ( Neuro) con conseguente alterazione ormonale ( Endocrino) che porta a una diminuzione della forza immunitaria ( Immunologia).

Quindi con estrema meraviglia ciò che dicevano i grandi medici igienisti viene confermato oggi dai più moderni studi scientifici.

La scienza Igienista del passato diviene la Nuova Medicina del Futuro!!!!